Progetto finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020

Automazione di Macchine per Innovazione nel settore Conciario

La rifinizione è la fase finale della lavorazione della pelle con la quale si conferiscono l‘aspetto finale e le caratteristiche estetiche definitive. Molto spesso le pelli presentano sul lato fiore dei difetti naturali acquisiti durante la vita dell‘animale o provocati dalla cattiva conservazione della pelle una volta scuoiata. La difettosità qualifica il pellame durante l’acquisto riducendone il prezzo di mercato. l’Italia è il principale importatore di pellame semilavorato, data l’insufficiente dimensione del patrimonio bovino e ovocaprino nazionale. In questo contesto le concerie, sia per far fronte agli ordini di articoli finiti, sia per limitare i costi di produzione, in relazione al cliente ed al mercato di riferimento del prodotto finito, acquistano anche partite di pelle di seconda scelta che presentano delle difettosità. Questo progetto è diretto al comparto conciario Santacrocese che è caratterizzato da piccole imprese con un’alta flessibilità produttiva e l’obiettivo è realizzare un macchinario flessibile ad ogni esigenza di rifinizione e che può dare un valore aggiunto anche alle pelli di scelta inferiore.